Κυριακή, 21 Ιουνίου 2009

ITALY - SECOND TOPIC: ITALIAN TEENS AND ALCOHOL CONSUMPTION


ITALIAN TEENS AND ALCOHOL CONSUMPTION
Young teenagers - and especially girls - in Italy are drinking too much alcohol, a report by the Higher Institute of Health (ISS) revealed .
Around 67% of teenagers between the ages of 13 and 15 are drinking to excess, consuming between two and four alcoholic drinks in an evening, the ISS said. The problem is especially acute among girls, with 31% drinking more than two units in an evening compared with 25% of boys. ''These very young kids are drinking on Saturdays especially, but also in a more limited fashion on other days of the week,'' said Emanuele Scafato from the ISS.
Among teenagers over 16 - the legal age for buying alcohol - around 47% of boys and 31% of girls are consuming more than two drinks in an evening, Scafato said. Binge drinking is even more extreme for young people between the ages of 19 and 24, but it drops off among both sexes from the age of 25, he added.
A survey of teenagers who regularly drank at discos revealed that police controls and publicity campaigns had little effect in persuading them to opt for soft drinks. Around 74% of adolescents said that they would be most likely to stay off the alcohol for an entire evening if there was ''an important prize for remaining sober'' on offer, with 70% saying the opportunity to participate in a reality show or other television programmes would also keep them teetotal for the night. ''As researchers, we were expecting rather unusual reasons, but the teenagers astounded us in the replies they gave,'' said Scafato.
''The evaluation of prevention programmes in Italy is rather rare and few have been effective,'' he admitted. Just 58% cited the responsibility of getting friends home safely at the end of the evening as a good motivation to stay sober. Pressure from friends or partners (44%), banning the sale of alcohol in nightclubs (31%), police controls (23%) and publicity campaigns (14%) came toward the bottom of the list. Around 18% said ''nothing'' would persuade them not to drink.
There is no legal age from when it is acceptable to drink in Italy, and Italians start drinking at a much earlier age than other Europeans - at 11 and 12 compared to a European average of 14.
Last year the recent centre-left government failed to pass a bill to raise the legal age for purchasing alcohol from 16 to 18 after retailers' associations blasted the measure, saying it was unfair to make managers of bars and eateries responsible for implementing the clampdown.
According to official statistics, alcohol is a factor in 30-40% of all road accidents in Italy, which has one of the worst road safety records in Europe.
In spite of these negative figures, Italy is one of the best countries in Europe as far as youth alcohol-related problems are concerned.
Italian young people look down on friends who drink too much, according to research presented at a symposium organized by Italy’s Permanent Observatory on Alcohol and Youth.
Italians consume about as much alcohol as do those in many countries but have low rates of alcohol-related problems. “There are protective cultural factors in Italy, says Dr. Enrico Tempesta, a scientist at the government-sponsored Observatory. “Here, children and teenagers disapprove and tend to exclude from their circle a contemporary who gets drunk,” he explains.
Research has long found that many cultures have a very high rate of alcohol consumption combined with a very low rate of alcohol-related problems. These successful groups include Greeks, Jews, Portuguese, Spaniards, and many others around the world.
There appear to be at least three common “keys to success” with alcohol consumption:
• Alcohol itself is seen as a neutral substance - neither good nor bad in itself. It's neither a poison nor a magic elixir that can solve peoples' problems. It's how alcohol is used that is important.
• People can choose either of two equally acceptable options: (a) to abstain or (b) to drink responsibly and in moderation. What is totally unacceptable for anyone under any circumstance is the abuse of alcohol. Alcohol abuse is simply never tolerated.
• People learn how to drink from an early age within the safe and supporting environment of the home, they don't learn how to drink from their friends and acquaintances. Common sense suggests that it's better to learn how to drink in the parent's house than in the fraternity house.
Parents actually have more influence on their children than anyone or anything else, although they often erroneously feel powerless in the face of television, movies, their children's peers and other parts of society.
Children learn from observing their parents’ behaviour and they are the most significant role models in their lives. Therefore, parents need to:
• Be good role models, they need to be living, day-to-day examples of good drinking behaviour.
• Reject "do as I say, not as I do." If we abuse alcohol, we can't expect our children not to follow in our footsteps when they begin to drink.
• Convey appropriate attitudes. We should never laugh at intoxication or inappropriate behaviour. We can use news events, TV episodes, movies, or personal events as opportunities to discuss what is appropriate and inappropriate behaviour.
Instead of stigmatizing alcohol and trying to scare children into permanent abstinence, adults need to recognize that it is not alcohol but rather the abuse of alcohol that is the problem.
Teaching responsible use doesn’t require the consumption of alcohol any more than teaching world geography requires visiting Fiji or teaching civics requires that children run for elected office or vote in presidential elections. Adults teach civics to prepare children for the day when they can vote and assume other civic responsibilities if they choose to do so.
Of course, letting children consume alcohol in moderation within the family and home setting is especially valuable in helping them realize that drinking really is a natural and normal activity that does not, in itself, confer "adulthood" or "maturity." Either choosing to abstain or to drink responsibly is a real sign of maturity and good judgment.
Because either drinking in moderation or abstaining are both equally acceptable options for adults, we must prepare children for either choice. To do otherwise is both ineffective and irresponsible.




I GIOVANI E IL CONSUMO D'ALCOL

Giovani ragazzi - e soprattutto le ragazze - in Italia bevono troppo alcol, lo ha rivelato una relazione dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Circa il 67% degli adolescenti d’età compresa tra i 13 e 15 eccedono nel bere, consumando tra due e quattro bevande alcoliche in una serata, ha detto l'ISS. Il problema è particolarmente acuto tra le ragazze, con il 31% comparato con il 25% dei ragazzi. ''Questi ragazzi sono molto giovani e bevono il sabato in particolare, ma anche in un modo più limitato negli altri giorni della settimana'' ha detto Emanuele Scafato dell'ISS.
Tra i giovani con oltre 16 anni - l'età legale per l'acquisto d’alcol - circa il 47% dei ragazzi e il 31% delle ragazze consumano più di due drink in una sera. Le "baldorie alcoliche” sono ancora più frequenti nei giovani tra i 19 e i 25 anni, ma scende la differenza tra i sessi in età superiore a 25 anni. Un sondaggio tra gli adolescenti che bevevano regolarmente in discoteca, ha rivelato che i controlli di polizia e le campagne pubblicitarie hanno avuto scarso effetto nel persuaderli e farli optare per le bibite. Circa il 74% degli adolescenti ha dichiarato che sarebbe molto probabilmente disposto a rimanere lontano dall'alcol per un’intera serata solo se ci fosse un bel premio per chi resta sobrio. Ad esempio avere l'opportunità di partecipare ad un reality show o altri programmi televisivi per tenerli lontani dall'alcol durante la notte. ''Come i ricercatori si apettavano, i ragazzi ci hanno stupito con le loro risposte,''ha detto Scafato.
''La valutazione dei programmi di prevenzione in Italia è piuttosto rara e pochi sono stati efficaci,''ha ammesso. Solo il 58% ha citato il dover portare gli amici salvi a casa quale buon motivo per rimanere sobrio. Pressione d’amici o partner (44%), il divieto di vendita d’alcol nei night (31%), controlli di polizia (23%) e campagne pubblicitarie (14%) sono comparsi al fondo della lista. Circa il 18% ha dichiarato che ''nulla'' li convince a non bere.
Non vi è un'età legale dalla quale è possibile iniziare a bere in Italia, e gli italiani iniziano a bere molto più precocemente rispetto ad altri stati europei - a 11, 12 anni rispetto ad una media europea di 14 anni.

L'anno scorso il recente governo di centro-sinistra non è riuscito a far approvare un disegno di legge per innalzare l'età legale per l'acquisto d’alcol da 16 a 18 anni in seguito all’opposizione nei confronti di questa misura da parte delle associazioni dei commercianti, le quali ritenevano ingiusto considerare responsabili per l’attuazione di questa repressione i baristi e i ristoratori
Secondo le statistiche ufficiali, l'alcol è un fattore che determina il 30-40% di tutti gli incidenti stradali in Italia, che ha uno dei peggiori record della sicurezza stradale in Europa.
A dispetto di questi dati negativi, l'Italia è uno dei migliori paesi in Europa per quanto riguarda il livello di interesse verso i problemi che riguardano l'alcol e i giovani.

Secondo una ricerca presentata in occasione di un simposio organizzato dall’Osservatorio Permanente d'Italia sul tema "alcol e giovani., i giovani italiani guardano con disprezzo gli amici che devono troppo.
I ragazzi italiani consumano tanto alcol quanto negli altri paesi europei ma hanno un basso tasso di problemi correlati all'alcol. "Ci sono fattori culturali protettivi in Italia, dice il Dr. Enrico Tempesta, uno scienziato che opera nell’Osservatorio. "Qui, i bambini e gli adolescenti disapprovano e tendono ad escludere dalla loro cerchia un coetaneo che beve", spiega.
Una ricerca ha da tempo scoperto che molte culture hanno un alto tasso di consumo di alcol in combinazione con un bassissimo tasso di problemi correlati all'alcol. Questi gruppi comprendono greci, ebrei, portoghesi, spagnoli, e molti altri in giro per il mondo.
Ci sembra che esistano almeno tre comuni "chiavi del successo" contro il consumo di alcol:
a)- L'alcol è visto come una sostanza neutra - né buona né cattiva in sé. Non è né un veleno né un elisir magico che possa risolvere i problemi delle persone. È “come” l'alcol viene utilizzato che è importante.
b)- Le persone possono scegliere tra una delle due opzioni ugualmente accettabile: (a) di astenersi o (b), di bere con moderazione e senso di responsabilità. Ciò che è del tutto inaccettabile per chiunque in qualsiasi circostanza è l'abuso di alcol. L'abuso di alcol non è semplicemente tollerato.
c)- Le persone imparano a bere in giovane età all'interno dell’ambiente sicuro e protetto della propria casa, è meglio non imparare a bere da amici o conoscenti. Il buon senso suggerisce che è meglio imparare a bere in casa dei genitori rispetto che con gli amici.

I genitori hanno in realtà più influenza sui loro figli di chiunque altro, anche se spesso erroneamente si sentono impotenti di fronte alla televisione, i film, i loro amici e coetanei provenienti da altri strati sociali.
I bambini imparano dai loro genitori che sono i più significativi modelli di comportamento nelle loro vite. Pertanto, i genitori devono:
a) - Essere buoni modelli esempi viventi di buon comportamento relativamente al bere .
b) –Rifiutare il "fai come ti dico, non come faccio io". Se noi abusiamo con l’alcol, non possiamo aspettarci che i nostri figli non seguano i nostri passi, quando cominciano a bere.
c) – Comunicare atteggiamenti appropriati. Non dobbiamo mai ridere di fronte a intossicazioni o comportamenti scorretti. Possiamo utilizzare le notizie, eventi, episodi televisivi, filmati o eventi personali come opportunità per discutere di ciò che è appropriato e comportamenti scorretti.
Invece di demonizzare l’alcol e cercare di spaventare i bambini per portarli verso una totale astinenza dall’alcol, gli adulti devono comprendere che non è l’alcol ma piuttosto l’abuso dell’alcol il vero problema. Insegnare un uso responsabile non richiede il consumo di alcool né più né meno come non è necessario visitare le Isole Fiji per insegnare geografia o mettersi in lista per le elezioni per insegnare educazione civica.
Gli adulti insegnano educazione civica per preparare i bambini al giorno in cui potranno votare e assumersi altre responsabilità civiche, se sceglieranno di farlo.
Naturalmente, lasciando che i ragazzi consumino con moderazione all'interno della famiglia e della propria casa è particolarmente utile per aiutarli a capire che bere è veramente una normale attività che non serve però a rendere una persona adulta o matura. La scelta di astenersi o di bere con moderazione è il vero e proprio segno di maturità e buon senso.
Poiché astenersi dal bere, o bere con moderazione sono entrambi ugualmente accettabili come opzioni per gli adulti, dobbiamo preparare i bambini per una delle due scelte. Fare altrimenti è inefficace e irresponsabile.