Κυριακή, 21 Ιουνίου 2009

ITALY - SECOND TOPIC: UNEMPLOYMENT



UNEMPLOYMENT IN ITALY
ECONOMY
The Italian economy has changed dramatically since the end of World War II. From an agriculturally based economy, it has developed into an industrial state ranked as the world's sixth-largest market economy. Italy belongs to the Group of Eight (G-8) industrialized nations; it is a member of the European Union and the Organization for Economic Cooperation and Development (OECD).
Italy has few natural resources. With much land unsuited for farming, Italy is a net food importer. There are no substantial deposits of iron, coal, or oil. Most raw materials needed for manufacturing and more than 80% of the country's energy sources are imported. Italy's economic strength is in the processing and the manufacturing of goods, primarily in small and medium-sized family-owned firms. Its major industries are precision machinery, motor vehicles, chemicals, pharmaceuticals, electric goods, and fashion and clothing.
Italy continues to fight with budget deficits and high public debt. In June 2006, the European Commission warned Italy it had to bring the deficit down to by 2007. The Italian Government has found it difficult to bring the budget deficit down to a level that would allow a rapid decrease of that debt.
Italy's closest trade ties are with the other countries of the European Union, with whom it conducts about 60.3% of its total trade (2006 data). Italy's largest EU trade partners are Germany (14.9%), France (11.1%), and the United Kingdom (5.3%). Italy continues to grapple with the effects of globalization, where certain countries (notably China) have eroded the Italian lower-end industrial product sector.
The Italian economy is also affected by a large underground economy. This production is not subject, of course, to taxation and thus remains a source of lost revenue to the local and central government.

UNEMPLOYMENT
Unemployment is a regional issue in Italy-lower in the north, higher in the south. Chronic problems of inadequate infrastructure, corruption, and organized crime act as disincentives to investment and job creation in the south. A significant underground economy absorbs substantial numbers of people, but they work for low wages and without standard social benefits and protections. Women and youth have significantly higher rates of unemployment than do men.
Italy has a relatively high unemployment rate, which was officially running at around 8.9 per cent (in the north around 5 per cent, in central Italy 6 per cent and in the south 21 per cent) of the workforce in October 2002. As already indicated, unemployment varies according to the region and in the impoverished south it’s as high as 50 per cent in some areas, where the youth has traditionally migrated to the north or abroad in search of work.
Unemployment is a disaster for Italy’s youth; some 30 per cent of young people in the under 25-age group are unemployed, many of whom have little prospect of finding a job. It’s difficult for young Italians to get a foothold on the employment ladder due to lack of experience and many young people, even university graduates, attend vocational high schools or special programmes to gain work experience.
Many companies have periodic bans on recruitment and expect many employees to accept short-term contracts, rather than life-long security (Italian job security had traditionally been among the best in Europe). Over a quarter of Italy’s working population have short-term contracts.
Unemployment benefits are virtually non-existent in Italy and less than 25 per cent of the country’s unemployed are eligible for any form of unemployment compensation, and families have traditionally been expected to support their unemployed members. There’s no national scheme or assistance for the long-term unemployed in Italy.
Illegal working thrives in Italy particularly in the south of the country and among sections of the expatriate community and immigrants. It has been conservatively estimated that the black economy is equal to as much as 30 per cent of the country’s GDP – it’s estimated that 30 per cent of all incomes are hidden from the taxman and up to 50 per cent in the south of the country! An employer may even ask you whether you want to be paid officially, with tax and social security deducted or unofficially, e.g. cash in hand!
But according to the law, it’s strictly illegal for non-EU nationals to work in Italy without a work permit. If you work illegally, you have no entitlement to social security benefits such as insurance against work injuries, public health care, unemployment pay and a state pension. A foreigner who works illegally in Italy is liable to a heavy fine and deportation, while businesses can be fined, closed down and the owners imprisoned.
Temporary and casual work is usually for a limited or fixed period, ranging from a few hours to a few months, or work may be intermittent. Part-time work, however, may be a temporary or permanent job but with reduced working hours, e.g. up to 20 hours per week. Anyone looking for casual unskilled work in Italy must usually compete with Albanians, North Africans and other unemployed foreigners, who are usually prepared to work for less money than anyone else, although nobody should be paid less than the minimum wage for a particular job. Many employers illegally pay temporary staff in cash without making deductions for social security. Temporary and casual work usually includes the following:
o Office and secretarial work,
o Work in the building trade, which can be found by applying at building sites (such as Manpower).
o Jobs in shops and stores, which are often available over Christmas and during sales periods.
o Gardening jobs in private gardens, particularly in spring and summer.
o Market research, which entails asking people personal questions, either in the street or door to door.
o Nursing and auxiliary nursing in hospitals, clinics and nursing homes.
o Newspaper, magazine and leaflet distribution.
o Courier work (own transport required – motorcycle, car or van).
o Miscellaneous jobs such as office cleaners, baby-sitters and labourers, are available from a number of agencies specialising in temporary work



DISOCCUPAZIONE IN ITALIA
ECONOMIA
L’economia italiana è cambiata drasticamente dalla fine della II guerra mondiale. Da un’economia basata sull’agricoltura, si è sviluppata in uno stato industriale sino a raggiungere il livello di sesto mercato al mondo. L’Italia appartiene al gruppo delle nazioni industrializzate del G8, è un membro dell’UE e dell’OECD.
L’Italia ha poche risorse naturali. Con molto terreno inadatto all’agricoltura, l’Italia è un paese che importa prodotti agricoli. Non vi sono giacimenti di ferro, carbone o petrolio. La maggioranza delle materie prime necessarie per le lavorazioni e più dell’80% dell’energia sono importate. La forza economica dell’Italia risiede nella rilavorazione delle materie prime, principalmente in industrie di media grandezza di proprietà privata. Le maggiori industrie producono macchinari di precisione, veicoli a motore, chimica, farmaceutica, materiali elettrici, moda e abbigliamento.
L’Italia continua a combattere con alti tassi di deficit e di debito pubblico. Nel giugno 2006, La Commissione Europea ha richiamato l’Italia affinché rientrasse con il deficit entro il 2007. Il governo italiano incontra grandi difficoltà nell’abbassare questo deficit ad un livello che possa permettere una diminuzione del debito pubblico.
I legami lavorativi più stretti dell’Italia sono con altri stati della UE, con i quali intrattiene il 60.3% dei propri scambi. I partner più grandi sono la Germania (14.9%), la Francia (11.1%) e il Regno Unito (5.3%). L’Italia continua a soffrire per gli effetti ella globalizzazione, poiché alcune nazioni (in particolare la Cina) hanno eroso la base del settore di produzione industriale italiana.
L’economia italiana è anche intaccata da una forte economia “in nero”. Questa produzione non è, naturalmente, soggetta a tassazione e si trasforma in una fonte di perdita d’entrate per il governo centrale e le unità locali.

DISOCCUPAZIONE
La disoccupazione è un problema regionale in Italia, più bassa al nord e più alta al sud: problemi cronici d’infrastrutture inadeguate, corruzione e crimine organizzato agiscono da disincentivi all’investimento e alla creazione di posti di lavoro al sud. Una notevole economia in nero assorbe un gran numero di persone, che lavorano per stipendi bassi e senza i benefici sociali standard e la relativa protezione. Le donne e i giovani hanno tassi di disoccupazione significativamente più alti degli uomini.
L’Italia ha un tasso relativamente alto di disoccupazione, che era ufficialmente del 8.9% (nel nord circa 5%, nel centro circa 6%, nel sud circa 21%) nell’ottobre 2002. Come già indicato, la disoccupazione varia secondo la regione e in aree povere del sud raggiunge anche il 50%, aree da cui i giovani sono emigrati verso il nord o l’estero in cerca di lavoro.
La disoccupazione è un disastro per i giovani italiani: circa il 30% di giovani al di sotto dei 25 anni sono disoccupati e molti senza prospettive di trovare un lavoro. E’ difficile per i giovani italiani mettere un piede sul primo scalino della scala lavorativa a causa della mancanza d’esperienza lavorativa e molti giovani, anche laureati, s’iscrivono a scuole tecniche e professionali per acquisire una qualche esperienza nel campo del lavoro.
Molte società assumono periodicamente sulla base di contratti a breve termine, non più con contratti a tempo indeterminato (la sicurezza del posto di lavoro in Italia era un tempo tra le migliori in Europa). Circa un quarto dei lavoratori italiani ha un contratto a tempo determinato.


I benefici sociali per i disoccupati sono praticamente inesistenti in Italia e meno del 25% dei disoccupati italiani può accedere a qualche forma di sussidio: tradizionalmente sono le famiglie che si prendono cura dei loro membri senza lavoro. Non vi è nessuno schema di sussidio nazionale o assicurazione per coloro che sono disoccupati da lungo tempo.
Il lavoro in nero affligge in particolare il Mezzogiorno ed è diffuso fra le comunità di immigrati. Si stima che questa economia sommersa sia pari al 30% pel PIL, quindi il 30% di tutti i guadagni non sono tassati, sino al 50% nel sud! Un datore di lavoro può chiederti se vuoi essere “messo in regola”, con deduzione di tasse e contributi pensionistici, o in nero, cioè pagato in contanti!
Ma secondo la legge è assolutamente illegale per le persone non appartenenti alle nazioni dell’UE lavorare in Italia senza un permesso di lavoro. Se si lavora illegalmente, non si hanno i benefici di legge, quali copertura sanitaria in caso d’incidente sul lavoro, sussidio di disoccupazione e pensione. Uno straniero che lavora illegalmente in Italia è soggetto al pagamento di una multa pesante e all’espatrio forzato, mentre la società datrice di lavoro è multata, fatta chiudere e i proprietari rischiano la prigione.
Il lavoro temporaneo e occasionale dura in genere per un periodo limitato o fissato di tempo, da poche ore a pochi mesi, oppure può essere “intermittente”. Il lavoro part-time può essere temporaneo o permanente con una riduzione dell’orario di lavoro, per esempio 20 ore a settimana. Chiunque sia in cerca di un lavoro che non richiede esperienza e di tipo occasionale deve competere con Albanesi, Nord Africani e altri stranieri disoccupati, i quali sono in genere disposti a lavorare per uno stipendio inferiore, sebbene in Italia nessuno dovrebbe essere pagato meno dello stipendio minimo fissato di legge per quel lavoro.
Molti datori di lavoro occupano illegalmente dello staff temporaneo pagandolo in contanti senza effettuare le deduzioni contributive. Il lavoro temporaneo e occasionale include:
• Lavori d’ufficio e segreteria
• Lavori nell’edilizia, che si possono ottenere direttamente in cantiere come manodopera
• Lavori in negozi, soprattutto nei periodi dei saldi e a Natale
• Manutenzione dei giardini privati, particolarmente in primavera e estate
• Ricerche di mercato, che include intervistare le persone in strada o a porta a porta
• Infermiere ausiliarie in ospedali, cliniche e case di cura
• Distribuzione di giornali, riviste e volantini
• Trasporti, richiesto un mezzo proprio: motociclo, macchina o furgone
• Lavori vari: pulizia uffici, baby-sitters e altri lavori proposti da agenzie di ricerca per lavoro temporaneo.